19-03-2012

Ship2Shore: Un anno dopo Valdaro trova nuove vocazioni

Il web magazine Ship2Shore pubblica un articolo sugli sviluppi del Centro logistico di TCF Rosignoli Logistics

Il nuovo Centro Logistico della TCF Rosignoli, storici specialisti nel trasporto dei prodotti siderurgici, sta riscuotendo un inatteso interesse anche da parte dell'industria chimica.

Era la primavera dello scorso anno quando a Valdaro, periferia industriale di Mantova, veniva inaugurato il raccordo ferroviario alla rete nazionale per l'area intermodale del porto interno lombardo, presso cui sorge un nuovo centro logistico multiclientelare (S2S n. 8/2011).
Il nuovo binario, opera realizzata dalla Provincia di Mantova, collega la stazione cittadina di Frassine (sulla linea Mantova-Monselice, a servizio del quartiere Frassino e del limitrofo polo industriale) presso la quale è il fascio Valdaro, dotato di quattro binari per il servizio merci; da qui si dirama appunto il raccordo per il porto fluviale che arriva agli operatori raccordati, che dispongono di propri magazzini dedicati allo stoccaggio e della logistica delle merci trattate: TCF Rosignoli Logistics, Paganella Spa, Valdaro Spa (di cui è socia la Provincia di Mantova).

"Il centro logistico è operativo dall'agosto 2011 ed è diventato la nuova sede di TCF", conferma Antonio Rosignoli, ammettendo peraltro che "ci troviamo ad una fase iniziale. Diversi operatori ci devono ancora conoscere e le attuali condizioni del mercato non incentivano la domanda di servizi aggiuntivi quali lo stoccaggio, che peraltro non fa ancora parte del modo di operare di molte industrie attive sul nostro territorio. Stiamo ricevendo però numerose manifestazioni d'interesse da tutta Europa da parte del settore chimico per la logistica e lo stoccaggio di treni di tank container e ferrocisterne, nonché di prodotti chimici per lavorazioni industriali.
L'apertura del nuovo centro logistico rappresenta un importante momento di crescita e ampiamento dei nostri servizi. Stiamo valutando proprio in questo periodo quanto specializzarci e quanto aprirci a nuove sfide. La nostra azienda ad oggi opera prevalentemente nella logistica dei prodotti siderurgici, e con il centro logistico volevamo in primo luogo implementare i servizi di stoccaggio per queste merci. La nostra visione di lungo termine, tuttavia, guarda senz'altro alla logistica in senso più ampio. La movimentazione e lo stoccaggio di prodotti ADR/RID costituiscono una grande opportunità, date le possibili sinergie col vicino polo industriale mantovano".

Il centro logistico di TCF Rosignoli Logistics sorge su un'area di 50.000 mq con una struttura di deposito di 11.000 mq ad unica campata dedicata allo stoccaggio di prodotti siderurgici e non solo, servita da 2 gru a ponte da 50 tonnellate con gancio a "C" da 35 tonnellate e pinza motorizzata da 45 tonnellate per la movimentazione dei coils; esiste un'officina di 1.000 mq per riparazione degli automezzi e una palazzina uffici, si caratterizza inoltre per la presenza di 2 binari a raso da 500 ml, di cui uno interno al deposito.

La potenzialità di stoccaggio di lamiere è di 500.000 tonnellate sui piazzali esterni e di 150.000 tonnellate all'interno; tutti i coils vengono stivati esclusivamente tramite un sistema composto da cremagliere e cunei d'acciaio. Il centro logistico è dotato anche di una pesa a ponte da 150 tonnellate e di una pesa ferroviaria della stessa portata. L'area esterna è appunto organizzata per poter movimentare anche prodotti chimici ad alto potenziale inquinante, grazie alla predisposizione di un sistema di raccolta (con idonee vasche) per eventuali sversamenti. La copertura del deposito-magazzino ospita un impianto fotovoltaico totalmente integrato di 1 MW che rende il polo autosufficiente dal punto di vista del fabbisogno energetico.

L'inattesa ma gradita novità dell'interesse del settore chimico per la propria area logistica non spiazza di certo la società mantovana, la quale peraltro non intende assolutamente trascurare il proprio core-business - TCF è storicamente specialista nel trasporto dei prodotti siderurgici al servizio delle vicine industrie pesanti - come dimostrano i recenti investimenti.
"Malgrado la congiuntura economica, abbiamo una buona tenuta; anzi, abbiamo da poco tempo aumentato la nostra flotta stradale di 10 nuove unità specializzate, per un totale di oltre 50 veicoli tra autotreni e autoarticolati", conferma Rosignoli, ricordando che alcuni di questi mezzi sono stati presentati presso gli stand dell'A.I.T.E. e della MAN Truck & Bus Italia all'ultima fiera GIS - Giornate Italiane del Sollevamento svoltasi a Piacenza.

di Angelo Scorza - web magazine Ship2Shore

Link all'articolo in versione integrale